Dimenticate le email di Hillary, è questo lo scandalo di cui nessuno parla

HILLARY CLINTON È IN GRAN PARTE RESPONSABILE DELLA COMPLETA DISTRUZIONE DI UN’INTERA NAZIONE

hillary clinton
Nelle settimane che hanno preceduto l’annuncio della candidatura di Hillary Clinton alle elezioni presidenziali americane del 2016 si è parlato molto dello “scandalo email di Hillary Clinton”, la decisione dell’ex Segretario di Stato americano di usare un indirizzo email privato durante il suo mandato.
I media non parlano di veri scandali in corso, ricorda Anti-media, e nel caso della Clinton lo scandalo riguarda la Libia, ma non la vicenda di Bengasi, che però è in qualche modo collegata.
La Libia era una volta il paese più stabile dell’Africa. Aggiungete ora  l’imperialismo del complesso militare-industriale americano ed ecco come, in soli 4 anni, Obama e Hillary hanno trasformato la Libia da uno stabile, prospero paese in uno stato completamente fallito. 
Muammar Gheddafi, ora defunto ex presidente della Libia, ha guidato una dittatura come fanno gli alleati americani dell’Arabia Saudita e, in tema dei diritti umani, non era peggiore dei sauditi. Il tema dei diritti umani, che è stato utilizzato come pretesto da Hillary Clinton per rovesciare il governo libico, è lontano dalla verità. Gheddafi era una minaccia economica per l’impero americano; e il membro del CFR , Hillary Clinton, lo sapeva. Gheddafi stava lavorando ad un modo per uscire dall’egemonia del petrodollaro, e al potere costituito non piacque:era sul punto di introdurre in Africa una valuta sostenuta dall’oro chiamata il dinaro .
Questo ha portato alla decisione di rovesciare questo paese pacifico, letteralmente distruggendolo. Mentre i media hanno dedicato molta attenzione alle malefatte di Gheddafi nel 2011 prima della “liberazione” della Libia, poco è stato raccontato di quanto è successo da allora. Qui lo scandalo si aggrava. Gli USA hanno sostenuto note fazioni di Al-Qeada in Libia per rovesciare Gheddafi, e ora il paese è uno stato fallito.
Questo è tutto parte del piano che è stato disposto durante l’amministrazione Bush, e Hillary – a quanto pare – è stato un giocatore chiave affinché questa partita geopolitica si materializzasse. Sul punto le rivelazioni del generale Welsey Clarke nel suo libro del 2003, Winning Modern Wars :


Gheddafi non è stato rovesciato per difendere i libici No. I numeri non mentono, scrive Carey Wedler, gli Usa rovesciamo i paesi per le risorse e il petrolio, non per i diritti. La Libia è ricca di risorse come il petrolio e minacciava il petrodollaro, una combinazione fatale.
Ecco la pura verità: Hillary Clinton è in gran parte responsabile della completa distruzione di un’intera nazione. Più di 50mila più persone sono morte per quella che è stata ribattezzata “La guerra di Hillary “in Libia.
Ma lo scandalo si aggrava. Ora, la Libia non è solo uno stato fallito in preda ad una guerra civile in piena regola, l’ISIS si sta radicando nel paese. Da Ben Swann :
“Ora, il Washington Times riporta che Abdelhakim Belhadj l’ex leader del Gruppo combattente islamico libico sostenuto dagli Usa ha aderito ISIS nel tentativo di rafforzare la presenza del gruppo terroristico in Libia. L’ISIS ha cercato di espandere la sua influenza in Libia a partire dalla fine del 2014, quando ha occupato la città libica di Derna e ha cominciato ad addestrare combattenti. Il Washington Times osserva che la strategia di espansione dell’Isis include l’assorbimento di gruppi jihadisti esistenti in un califfato globale, e l’integrazione di Belhadj nel franchising ISIS è in linea con questo piano. “
Tenete a mente che questi ribelli affiliati ad Al-Qaeda sono stati apertamente sostenuti da Hillary e gli Stati Uniti nella lotta contro Gheddafi.
Hillary non ha mostrato alcun rimorso per le sue azioni. Nel video che segue scherza sull’assassinio di Gheddafi sulla CBS News:


Poi c’è Bengasi,

Quindi, gli Usa stavano inviando armi dalla Libia alla Siria per alimentare la guerra civile siriana? Si. Grazie Hillary. Il risultato?Oops: l’ISIS. Dal Washington’s Blog un passaggio del report di Seymour Hersh dal titolo “La linea rossa e la linea dei topi”.
“Un allegato altamente classificato alla relazione su Bengasi, non reso pubblico, descrive un accordo segreto raggiunto all’inizio del 2012 tra le amministrazioni Obama e Erdogan sulla “rat line”. Turchia, Arabia Saudita e Qatar erano i finanziatori. CIA e MI6 dovevano recapitare le armi degli arsenali di Gheddafi in SiiraUn certo numero di società di facciata erano state istituite in Libia, alcune sotto la copertura di soggetti australiani. Soldati americani in pensione, che non sempre sapevano da chi erano davvero impiegati, sono stati assunti per la gestione degli appalti e la spedizione. L’operazione è stata gestita da David Petraeus, il direttore della CIA che si sarebbe presto dimesso, quando si è saputo della sua relazione con la sua biografa. (Un portavoce di Petraeus ha negato che l’operazione fosse mai avvenuta.) “
E ora Hillary Clinton aspira alla presidenza nel 2016..
Tratto da: morasta.it

0 commenti:

Posta un commento

Per approfondimenti...