Caso Chiara Poggi: Alberto Stasi la uccise perchè pericolosa

"Alberto Stasi uccise Chiara Poggi".

È il 13 Agosto 2007 quando a Garlasco  (Pavia), in via Pascoli, Chiara Poggi viene uccisa nella sua abitazione. Dopo 7 anni e mezzo di indagini Alberto Stasi, ex fidanzato della ragazza, il 17 Dicembre scorso viene condannato a 16 anni di reclusione dai giudici della Prima Corte d'Assise d'Appello di Milano (era stato assolto in primo e secondo grado e poi la Cassazione aveva ordinato un nuovo Appello).

Le prove ci sono e sono schiaccianti: le bugie di Stasi sull'orario in cui quel giorno arrivò a casa Poggi sono smentite da un testimone che lo avrebbe visto giungere all'abitazione in sella a una bicicletta nera da donna sui cui pedali sono state trovate abbondanti tracce del DNA di Chiara. Inoltre le impronte di Stasi che si trovano sul dispenser del portasapone testimoniano che lo ha maneggiato in maniera accurata e che è stato l'ultimo a usarlo. I giudici capiscono che il racconto di Alberto è il racconto di un assassino e non di uno scopritore. Le motivazioni dell'omicidio restano ancora "sconosciute" anche se l'ipotesi più accreditata è quella che vedrebbe l'assassino che, preso da un raptus di follia, uccide la ragazza a seguito di una lite scaturita per la sua passione, molto probabilmente scoperta dalla vittima, per la pornografia. Questo suo "vizio", secondo gli inquirenti, avrebbe potuto causare problemi nella coppia e soprattutto avrebbe potuto danneggiare la figura di Stasi, ragazzo "perbene" e studente "modello". Chiara Poggi era dunque diventata scomoda e pericolosa per il suo carnefice. La vittima è stata prima colpita alla testa poi è stata scaraventata giù dalle scale. La ragazza, secondo la ricostruzione dei fatti, non solo non avrebbe avuto il tempo di reagire ma neanche di immaginare una simile reazione proprio perchè compiuta da quella persona "con cui era in maggiore e quotidiana intimità". La giovane è rimasta dunque inerme. Alberto Stasi è riuscito a depistare a lungo le indagini grazie alla sua freddezza e abilità: dopo l'assassinio ha infatti continuato a vivere secondo la sua routine (studiando e visitando siti pornografici).

Mentre la difesa parla di "una sconfitta per tutti" a causa della mancanza di un movente certo e limpido (esso è solo ipotizzato) la famiglia della ragazza parla, finalmente, di giustizia.



5 commenti:

  1. OZ là một trong những công ty thiet ke noi that dep va thi cong noi that sang trọng chúng tôi coi những thiết kế cấu trúc noi thatbên cạnh dó chúng tôi còn chuyên đảm nhận thi công nội thất và trang tri noi that can ho như mong muốn của khách hàng kết họp với những dứ án thiet ke can ho. và thi cong noi that shop, thi cong shop cho khách hàng. ngoài ra OZ còn chuyên nhận thi cong noi that showrom, thi cong noi that can ho, thi cong noi that nha hang, thi cong noi that van phong, trang tri noi that cua hang, noi that nha hang, noi that khach san...

    RispondiElimina

Per approfondimenti...