11 Settembre 2001:
5 domande a Thomas Torelli

"Se nient'altro ci riesce, un insuccesso spettacolare può sempre garantire l'immortalità."
John Kenneth Galbraith

Thomas Torelli è Fotografo, Montatore e Regista, nonché Produttore e Co-Autore, fra gli altri, di "Zero – inchiesta sull'11 Settembre", il documentario italiano più visto nel Mondo, con oltre 50 milioni di spettatori.
Nico Forconi: "L'11 Settembre 2001, da chi hai appreso la notizia degli attentati?"
Thomas Torelli: "Dalla Segretaria dell'ufficio in cui lavoravo in quel periodo, è entrata in stanza sconvolta urlando: 'Un aereo ha sbattuto addosso ad un grattacelo a New York!!'"

Nico: "Dove ti trovavi quando hai saputo la notizia?"
Thomas: "In ufficio... all'epoca facevo ancora il montatore e stavo montando uno spot."


Nico: "Qual'è il motivo che ti ha fatto dubitare della versione ufficiale a tal punto da iniziare una tua personale ricerca su quanto accaduto l'11 Settembre 2001?"
Thomas: "Quelle che a me sembravano palesi menzogne. L'11 Settembre è stata la prima volta di troppe cose: la prima volta in cui ci sono stati incidenti aerei senza resti di un aereo distrutto; la prima volta che crolla un edificio in acciaio per un incendio; la prima volta che non si alzano aerei militari per difendere da allarmi di possibili dirottamenti... potrei continuare ancora per molto."

Nico: "Come hai iniziato la tua personale ricerca? Da quale materiale sei partito?"
Thomas: "La mia ricerca non è stata proprio personale, abbiamo lavorato gomito a gomito con Franco Fracassi, Giulietto Chiesa, Francesco Trento, Paolo Jorni Bianchi ed alcuni altri importanti amici... è così che è nata una squadra capace di mettere in piedi un film che, ancora oggi, a sette anni dall'uscita, risulta essere molto attuale."

Nico: "Cos'è successo, realmente, quel giorno secondo te?"
Thomas: "Ho la mia idea, ma preferisco rimanga mia; la risposta dovrebbe darcela una Commissione d'inchiesta indipendente, non un Regista o un Produttore. Lo scopo del film era quello di mettere in luce le incongruenze, e noi quello abbiamo fatto... andare oltre spetta ad altri, secondo me."
Segui Thomas Torelli su www.thomastorelli.com

5 commenti:

  1. Look at your north face factory outlet unpromising way, let's look at what the leopard brother can scare you into this, my brother would also have some Tianbao did not mind, but I suddenly realized that some darkened sky, then north face outlet online he looked up, and suddenly extremely pale.

    I saw thousands of young disciples rode a sky obscured the instruments used, with boundless  rage like locusts the north face outlet pressure over a thousand disciples at the forefront, a horizontally-a young white woman foot bloodstained clothes flying from.

    One hundred and fifty first chapter on the peak of the main Pavilion kill young black hair flying in the wind, on the blood-stained face between hair is that extremely cold double Mu. That north face factory outlet yes, north face outlet online north face outlet online we do not see who is the leopard brother, leopard leopard brother.

    RispondiElimina
  2. north face homme pas cher Je The North Face Soldes ne sais pas qui a jeté un mégot de cigarette n'a pas éteint sur​​. Je compte sur, je ne peux pas north face homme pas cher utiliser les capacités ah. Putain incroyable. pas cher béant à pas loin de la truffe et des mégots de north face homme pas cher north face homme pas cher cigarettes, puis tendit la main à côté d'un homme qui frotte. Que faites-vous. L'homme revenir, pas north face homme pas cher cher longue main dans sa poche, en sifflant. Regardez, la voiture est venue. pointage pas cher à la north face homme pas cher distance, puis revenir en arrière quand l'homme enfui rapidement, laissant pas oublier quand ses north face femme pas cher north face homme pas cher talons crachent broche. Juste consomme beaucoup d'exaspérant, puis accélérer à ajouter.

    RispondiElimina

Per approfondimenti...