Il Premio Nobel Randy Schekman: " la Scienza è in mano ad una Casta "

Di Salvatore Santoru

Recentemente Randy Schekman,  il biologo americano che ha vinto il premio Nobel per aver scoperto il meccanismo che regola il trasporto delle molecole nelle cellule, ha affermato in un articolo sul Guardian che : “La scienza è a rischio: non è più affidabile perché in mano a una casta chiusa e tutt’altro che indipendente”.
 Senza dubbio si è trattato di una forte e coraggiosa denuncia verso lo status quo e il conformismo imperante nella cosiddetta " comunità scientifica ", a maggior ragione perché queste affermazioni sono state fatte da Schekman il giorno stesso in cui ha ricevuto il premio Nobel, e quindi non solo nel momento più importante per la sua carriera di ricercatore, ma anche nel momento di  massima visibilità .  Le sue dichiarazioni sono state precedute un paio di giorni, da quelle di  Peter Higgs, diventato famoso per la scoperta del bosone di Higgs, che sempre al “Guardian” aveva denunciato il sistema delle pubblicazioni scientifiche.
Le principali riviste scientifiche internazionali, come Nature,Cell e Science, sono state paragonate da Schekman a dei "tiranni": “Pubblicano in base all’appeal mediatico di uno studio, piuttosto che alla sua reale rilevanza scientifica. Da parte loro, visto il prestigio, i ricercatori sono disposti a tutto, anche a modificare i risultati dei loro lavori, pur di ottenere una pubblicazione”.
“La tentazione di vedere i propri lavori pubblicati su quelle riviste spinge i ricercatori ad aggiustare i risultati, per renderli più accattivanti e “alla moda. Tutto questo ovviamente a discapito di scoperte magari meno trendy ma più importanti e determinanti per il progresso. Inoltre il biologo ha criticato anche gli editori, che preferiscono pensare allo scoop piuttosto che al valore intrinseco di un lavoro. Come dire, prima i soldi poi la scienza.

2 commenti:

Per approfondimenti...