Non succede,
ma se succede...

Molti si domandano, in questi giorni, “che cosa stia succedendo” sui media mainstream riguardo all’11 settembre. Aveva creato un certo stupore la recente puntata di Minoli sull’11 settembre, nella quale il conduttore di “La storia siamo noi” aveva implicitamente validato le posizioni del Movimento per la verità sull’11 settembre (che richiede una nuova indagine sui fatti di quel giorno). Ma quello che era sembrato un caso isolato si sta ripetendo negli ultimi giorni con tale frequenza da suggerire che ormai si tratti di un tend consolidato: oggi parlare di verità alternative sull’11 settembre “si può”.

Ne ha dato prova La Repubblica, che “impavidamente” offre ai suoi lettori la trilogia di Giulietto Chiesa sull’11 settembre. Ne ha dato prova “Il manifesto”, che in un articolo di Manlio Dinucci si è spinto a dire “Ma la versione ufficiale sta crollando nel modo in cui sono crollate le torri: come un castello di carte.” E persino il buon Corriere della Sera, che ormai del glorioso quotidiano mantiene soltanto il nome, riconosce l’esistenza di un serio dibattito sull’11 settembre attualmente in corso.

Ma allora, dicono i più sospettosi, che cosa c’è sotto? Perchè da un giorno all’altro parlare di 9/11 non è più un tabù come prima [1]?

E se l'11 Settembre 2001 fosse stata un'operazione di tipo false flag realizzata con l'apposito scopo di portare avanti il piano di Governance Globale del Council on Foreign Relations e condurre il pianeta verso un Nouvo Ordine Mondiale?

1) Dividere il Mondo in 2 grandi blocchi: FATTO;
2) Far si che sia un solo blocco a prevalere: FATTO;
3) Rendere il blocco che ha prevalso sempre più odioso ed odiato dal resto del mondo screditandolo: QUASI FATTO;
4) Quando si è convinta la maggior parte della gente che l'egemonia di uno Stato è deprecabile ed è consigliabile un unico Stato Sovrannazionale (con moneta unica, forze armate uniche, organi di controllo unici ecc.), creare un evento catastrofico (l'ennesima Pearl Horbor) che riduca la civiltà ad un numero sostenibile per l'ecosistema ed, allo stesso tempo, unisca tutti i cittadini rimasti sotto un unico Stato.

Se questo fosse davvero il piano diabolico dei burattinai, direi che siamo giunti al punto 4. Ora manca solo la battaglia contro un nemico (probabilmente immaginario) globale, che potrebbero essere ufo ed alieni o Madre Natura (vedi 2012). Il tutto realizzato grazie all'utilizzo di tecnologie come il "blue beam", scie chimiche, wifi, HAARP.

L'unica cosa che può "rallegrarci", in tutto questo piano è che, se fosse reale, i debunker farebbero la figura dei fessi, fregati dai loro stessi "mandanti"!!


Note e fonti:
[1] Media e 11 settembre: ma cosa sta succedendo?, tratto da luogocomune

4 commenti:

  1. ti riesce solo di scrivere " e se " seguito da qualche minchiata.
    e se
    e se
    e se
    e se oggi ti tappassi la bocca non sarebbe male.
    se non altro per le quasi 3000 persone uccise. uccise, non controfigure della cia, non combattenti del mossad.

    RispondiElimina
  2. Risposta ad Anonimo

    3.000 persone uccise? Sei un pò indietro coi conti!! http://ladridimarmellate.blogspot.com/2011/09/i-morti-e-i-dollari-dopo-l11-settembre.html
    http://2americhe.com/2011/07/04/11-settembre-10-anni-e-225-000-morti-dopo/
    Informati prima di scrivere le solite frasi del ca**o ad effetto... con me non attacca. Ciaoo, Nyko

    RispondiElimina

Per approfondimenti...